Ricerca Avviata

La storia

L’Istituto Comprensivo Roberto Bracco è situato nel Distretto scolastico n.42, nei quartieri di Soccavo e Pianura, zona occidentale della città. Il quartiere dove sono collocati gli edifici scolastici è stato realizzato nel 1959 dall’architetto Giulio De Luca, su modelli che si andavano realizzando in quegli anni in nord Europa. L’impianto rivolge una particolare
attenzione alla configurazione geomorfologica del territorio, che risulta dominato a monte dalla presenza della chiesa Nostra Signora di Fatima ed a valle servito dalla fermata di via Piave della ferrovia circumflegrea.
Il quartiere è costituito da un edificato basso ed è dotato di spazi verdi e di piccoli giardini asserviti alle unità abitative dei piani terreni. Il plesso in via Tevere 45, è dotato di un ampio spazio antistante l’edificio e di un boschetto costituito da trentotto ippocastani che, nell’alternanza delle stagioni, scandiscono lo scorrere dell’anno solare. L’istituto Comprensivo Roberto Bracco è attualmente dislocato in due sedi contigue l’una con accesso da via Tevere 45 e l’altra da via Arno 14, che ospitano rispettivamente: Secondaria di I grado (la sede in via Tevere) e Infanzia e Primaria (nel Plesso di Via Arno). La sede della Scuola dell’Infanzia e della Primaria, una volta denominata Canzanella come il complesso rionale che univa il Vomero al Rione Traiano, fu successivamente intitolata, intorno agli anni Settanta, secondo i ricordi degli abitanti ed insegnanti del quartiere, a Monsignor Giovan Battista Alfano, studioso di fama internazionale, maestro, scienziato ed educatore, nativo di S. Maria a Pugliano, noto per i suoi lavori dedicati al Vesuvio.
La sede della Secondaria di Primo Grado è stata da sempre intitolata a Roberto Bracco, celebre giornalista, scrittore e drammaturgo napoletano, nato a Napoli il 10 novembre 1861 e morto a Sorrento il 20 aprile 1943, che collaborò alla stesura di diversi giornali in qualità di critico teatrale e musicale.